Premio Giovane Manager 2018

IMG-20170311-WA0034

Il nostro gruppo nell’ambito di Federmanager, si prefigge di essere, principalmente, l’espressione di una Classe dirigente responsabile e consapevole. Siamo i rappresentanti di una classe dirigente pronta al cambiamento e pronta a mettersi costantemente in discussione, ma siamo soprattutto portatori di un bagaglio di competenze, valori culturali e sociali che devono essere i binari su cui costruire il nostro futuro. Proveniamo da diversi territori, da diversi tipi di aziende, da diverse famiglie professionali , ma siamo accomunati dal desiderio di tracciare, alla luce di un dibattito interno ed esterno , le linee possibili per lo sviluppo del nostro tessuto economico attraverso un sistema di regole e di valori, unica strada verso il benessere di tutti.

Le finalità del Gruppo Giovani

Nel quadro dei principi statutari della Federmanager e degli interessi generali della categoria, le finalità del Gruppo Giovani, a livello territoriale e nazionale, sono le seguenti:

  • prospettare, in tutte le sedi, interne ed esterne all’Organizzazione, in questo secondo caso tramite od unitamente ai competenti Organi dei Sindacati e della Federmanager, i problemi e le aspettative dei giovani dirigenti e dei dirigenti in servizio;
  • promuovere l’adesione e la partecipazione dei giovani dirigenti alle attività della Federmanager in particolar modo mediante la costituzione di Gruppi territoriali;
  • proporre e promuovere iniziative di ricerca, studio, dibattito, etc. sia su temi di specifico interesse dei giovani dirigenti sia sui grandi temi che riguardano la vita del Paese, il suo sviluppo economico e sociale, la sua modernizzazione, etc.;
  • favorire la comunicazione e l’interscambio di esperienze tra i giovani dirigenti sia del settore industria che degli altri comparti dirigenziali aderenti alla CIDA;
  • favorire e promuovere collegamenti a livello internazionale sempre per tematiche di specifico interesse del Gruppo Giovani.

Per contattarci scrivici su gruppogiovani@federmanager.it

Il Coordinamento Giovani ha issato le vele…”Pronti a partecipare“!

È costituito, in via permanente, dalla Federmanager, ai sensi dell’art. 17 dello Statuto, il Coordinamento Nazionale Gruppo Giovani (in seguito denominato “Coordinamento”)
Per “giovani” si intendono i dirigenti e quadri fino a 43 anni.

Per la composizione del Coordinamento Nazionale consultare la sezione “Composizione Organi” alla voce “Altri Organisimi Federali”.

Le finalità del Gruppo Giovani

Nel quadro dei principi statutari della Federmanager e degli interessi generali della categoria, le finalità del Gruppo Giovani, a livello territoriale e nazionale, sono le seguenti:

  • prospettare, in tutte le sedi, interne ed esterne all’Organizzazione, in questo secondo caso tramite od unitamente ai competenti Organi dei Sindacati e della Federmanager, i problemi e le aspettative dei giovani dirigenti e dei dirigenti in servizio;
  • promuovere l’adesione e la partecipazione dei giovani dirigenti alle attività della Federmanager in particolar modo mediante la costituzione di Gruppi territoriali;
  • proporre e promuovere iniziative di ricerca, studio, dibattito, etc. sia su temi di specifico interesse dei giovani dirigenti sia sui grandi temi che riguardano la vita del Paese, il suo sviluppo economico e sociale, la sua modernizzazione, etc.;
  • favorire la comunicazione e l’interscambio di esperienze tra i giovani dirigenti sia del settore industria che degli altri comparti dirigenziali aderenti alla CIDA;
  • favorire e promuovere collegamenti a livello internazionale sempre per tematiche di specifico interesse del Gruppo Giovani.

Il Manifesto dei Valori

  • Ogni volta che metto da parte i miei pregiudizi e mi apro al dialogo con nuove culture
  • Ogni volta che sento l’interesse ad apprendere per una crescita continua
  • Ogni volta che valorizzo la mia dimensione personale,
  • Cercando il giusto equilibrio tra lavoro e affetti

… sono responsabile verso me stesso

  • Ogni volta che i miei valori mi guidano nelle decisioni più difficili
  • Ogni volta che coltivo i talenti dei miei collaboratori curandone la loro crescita professionale
  • Ogni volta che favorisco l’innovazione tecnologica e nuovi modelli di sviluppo

… sono responsabile verso la mia organizzazione

  • Ogni volta che tutelo gli interessi collettivi per migliorare le condizioni di vita di tutti
  • Ogni volta che contribuisco a creare valore per la collettività
  • Ogni volta che favorisco la crescita culturale

… sono responsabile verso la società

  • Tutte le volte che le mie azioni contribuiscono a creare opportunità per le nuove generazioni

…mi sento parte di una nuova classe dirigente

Art. 1 – Costituzione

È costituito, in via permanente, dalla Federmanager, ai sensi dell’art. 17 dello Statuto, il Coordinamento Nazionale Gruppo Giovani (in seguito denominato “Coordinamento”)

Per “giovani” si intendono i dirigenti e quadri fino a 43 anni.

Art. 2 – Scopi

Nel quadro dei principi statutari della Federmanager e degli interessi generali della categoria, le finalità del Coordinamento, a livello territoriale e nazionale, sono le seguenti:

a) prospettare, in tutte le sedi, interne ed esterne all’Organizzazione, in questo secondo caso tramite od unitamente ai competenti Organi dei Sindacati e della Federmanager, i problemi e le aspettative dei dirigenti e quadri;
b) promuovere l’adesione e la partecipazione dei giovani dirigenti alle attività della Federmanager in particolar modo mediante la costituzione di Gruppi Territoriali;
c) proporre e promuovere iniziative di ricerca, studio, dibattito, etc. sia su temi di specifico interesse dei dirigenti sia sui grandi temi che riguardano la vita del Paese, il suo sviluppo economico e sociale, la sua modernizzazione, etc.;
d) favorire la comunicazione e l’interscambio di esperienze tra i dirigenti sia del settore industria che degli altri comparti dirigenziali aderenti alla CIDA;
e) favorire e promuovere collegamenti a livello internazionale sempre per tematiche di specifico interesse del Coordinamento.

Art.3 – Meeting Nazionale

Al Meeting Nazionale dei Gruppo Giovani partecipano in qualità di delegati e con diritto di voto, i membri del Coordinamento Nazionale in scadenza nonché i delegati di tutti i Sindacati territoriali individuati nell’ambito dei componenti dei “Gruppi Giovani”, di cui al successivo art. 5, sulla base del seguente criterio:

1 delegato per ciascun Sindacato con meno di 500 iscritti;
2 delegati per ciascun Sindacato che ha da 500 a 1.500 iscritti;
3 delegati per ciascun Sindacato che ha da 1.501 a 3.000 iscritti;
4 delegati per ciascun Sindacato con più di 3.000 iscritti.

Il Meeting si tiene con cadenza annuale ed ha le seguenti finalità:

a) individuare le problematiche di prioritario interesse dei dirigenti e dei quadri in servizio, con particolare riguardo ai giovani, e definire le linee strategiche di azione del Coordinamento;
b) eleggere, con periodicità biennale, i componenti del Coordinamento e tra questi il Coordinatore unitamente al Vice Coordinatore Nazionale.

Art. 4 – Criteri per le elezioni

I delegati al Meeting e i membri del Coordinamento Nazionale in scadenza, attraverso distinte e successive votazioni, eleggono:

1. i componenti del Coordinamento nell’ambito dei delegati espressi dai sindacati territoriali, in possesso dei requisiti indicati agli artt. 1 comma 2 e 6 comma 1, candidati alla carica, potendo esprimere un massimo di 10 preferenze;
2. il Coordinatore unitamente al Vice Coordinatore Nazionali nell’ambito dei componenti del Coordinamento, candidati alla carica, potendo esprimere una sola preferenza;

Il Meeting approva documenti e/o mozioni a maggioranza semplice dei presenti, con voto palese.

In caso di parità di voti, prevale il voto favorevole del Coordinatore o, in sua assenza, del Vice Coordinatore.

I documenti da porre in approvazione al Meeting, sottoscritti da almeno 10 delegati debbono pervenire alla Segreteria dello stesso Meeting presso Federmanager 15 giorni prima della riunione.

Le candidature a componente del Coordinamento e successivamente a Coordinatore Nazionale unitamente al Vice Coordinatore Nazionale accompagnate da un curriculum del candidato che espliciti le competenze professionali e le cariche sindacali eventualmente ricoperte o già ricoperte, debbono essere presentate alla Segreteria del Meeting entro l’ora che verrà stabilita in apertura della riunione.

Art.5 – Struttura organizzativa

Gruppi Giovani

I delegati al meeting sono individuati nell’ambito dei “Gruppi Giovani” di dirigenti e quadri costituiti su iniziativa dei Sindacati o delle Associazioni territoriali di Federmanager, da dirigenti e quadri fino a 43 anni iscritti al Sindacato o all’Associazione territoriale

Ai lavori del “Gruppo Giovani” possono partecipare, su invito, anche dirigenti e quadri in servizio con un’età superiore a quella indicata al comma precedente.

Coordinamento

Il Coordinamento è l’Organo cui compete dare attuazione alle decisioni, anche su proposta dai Gruppi giovani, finalizzate al raggiungimento degli scopi di cui all’art. 2.

Il Coordinamento ha le seguenti funzioni:

a) programmare ed attuare le attività sulla base delle linee di indirizzo e degli orientamenti emersi dal Meeting Nazionale;
b) eleggere i quattro membri del Comitato Esecutivo tra i componenti il Coordinamento, che si affiancheranno al Coordinatore Nazionale e al Vice Coordinatore Nazionale;
c) proporre al Comitato Esecutivo iniziative mirate a sviluppare la presenza esterna ed organizzativa tramite la Federmanager a livello nazionale e le Associazioni territoriali in sede periferica;
d) approvare con la maggioranza qualificata dei 2/3 dei presenti le modifiche allo Statuto-Regolamento su proposta del Comitato Esecutivo;
e) promuovere la partecipazione attiva di dirigenti e di quadri alla vita dell’Associazione di categoria;
f) elegge, con la maggioranza qualificata dei 2/3 dei presenti, la rosa fino a un massimo di 3 candidati, proposta dal Coordinatore Nazionale d’intesa con il Vice Coordinatore Nazionale, da sottoporre al Consiglio Nazionale per l’elezione del componente della Giunta Esecutiva in rappresentanza del Gruppo giovani.

I componenti del Coordinamento durano in carica due anni e sono eletti dai delegati al Meeting Nazionale, nell’ambito degli stessi delegati..

Il Coordinamento è composto da 27 componenti, compresi il Coordinatore Nazionale, il Vice Coordinatore Nazionale e 4 componenti del Comitato Esecutivo. A 3 dei 27 posti, con esclusione del Coordinatore, possono accedere i quadri.

Comitato Esecutivo

Il Comitato Esecutivo è composto dal Coordinatore Nazionale, dal Vice Coordinatore Nazionale e da quattro membri facenti parte del Coordinamento.

Nella riunione di insediamento, il Coordinamento elegge i quattro membri del Comitato Esecutivo ed individua almeno 4 macro-temi di interesse, su proposta del Coordinatore Nazionale, di cui sarà conferita apposita delega a ciascun membro del Comitato Esecutivo che potranno avvalersi della collaborazione degli altri componenti del Coordinamento.

L’Esecutivo ha le seguenti funzioni:

a) sviluppare i temi, servizi e linee di rappresentanza per i dirigenti e quadri in servizio proponendo alla Federazione ed alle Associazioni Territoriali iniziative ed azioni volte al raggiungimento delle finalità prefissate;
b) proporre al Coordinamento le iniziative necessarie al conseguimento delle altre finalità statutarie;
c) attuare le iniziative approvate dal Coordinamento;
d) curare e sviluppare rapporti con i Gruppi Giovani, ove esistenti, delle altre Federazioni aderenti alla CIDA per favorire scambi di informazioni ed esperienze e attuare iniziative comuni;
e) curare i rapporti con la Presidenza e la Giunta Esecutiva Federmanager per la promozione e la presentazione di iniziative di interesse dei dirigenti e dei quadri in servizio;
f) controllare ed approvare l’utilizzo delle risorse messe a disposizione dalla Federmanager per la realizzazione del programma del Coordinamento.

Il Coordinatore, o in caso di sua assenza o impedimento il Vice Coordinatore, programma ed indice le riunioni del Coordinamento e del Comitato Esecutivo, nonché rappresenta il Coordinamento.

Art. 6 – Eleggibilità e decadenze

I componenti del Coordinamento durano in carica due anni e sono eleggibili per non più di tre mandati consecutivi.

I componenti del Coordinamento decadono in caso di tre assenze in 12 mesi, cinque assenze per i componenti del Comitato Esecutivo, anche non consecutive.

Nei confronti del Coordinatore e del Vice Coordinatore Nazionali la decadenza dalla carica si applica in caso di assenza o di impedimento di durata superiore a tre mesi continuativi.

Il Vice Coordinatore Nazionale, in caso di decadenza del Coordinatore Nazionale, sostituisce quest’ultimo fino al successivo meeting nazionale di rinnovo delle cariche.

Compete alla Giunta Esecutiva di Federmanager approvare il presente Statuto-Regolamento e le eventuali modifiche e/o integrazioni, su proposta del Coordinamento.

Canale Youtube

Per vedere tutti i Video collegati al canale youtube di Federmanager

Clicca qui

Si sono concluse le finali territoriali per il Premio Giovane Manager. Tutti i premiati parteciperanno poi alla finale nazionale che si terrà a Mestre il 16 e 17 marzo 2018 , in occasione del Meeting. Scopri i vincitori clicca qui

Ecco l’elenco completo dei premiati di tutte le tappe.

La finale Nord Ovest si è svolta lo scorso 17 novembre a Torino.

manager-195
Questi i nomi dei manager premiati:

Matteo de Lise, Strategic Business Leader Extra Torino – Federmanager Torino APDAI

Alessandro Falsetti, Product Marketing Director EMEA (Europe, Middle East and Africa) Region Whirlpool Corporation Torino – Federmanager Torino APDAI

Saverio Ferrara Petrino, Service Director Europe, Distributed Power Granite Services Inc. Firenze – Associazione Toscana Dirigenti Aziende Industriali

Sara Regine Hassett, Director, Head of Employee & Culture Communications Baker Hughes a GE company Firenze – Associazione Toscana Dirigenti Aziende Industriali

Livio Lo Biondo, Supply Chain and EMEA Trade Compliance Manager Tyco Electronics Torino – Federmanager Torino APDAI

Luigi Mucci, Manager Inovyn – Federmanager Livorno

Andrea Roero, IO & Business Partner, Processes and Innovation Cromodora Wheels SpA Torino – Federmanager Torino APDAI

Carlo Rovea, Global Supply Chain Director Infineum Genova – ASDAI Liguria

Francesco Giacomo Speretta, Branch Director and Head of Sales Area Selex ES Genova – ASDAI Liguria

Veronica Tonini, Risk Management & Group Compliance Director, CSR Coordinator Salvatore Ferragamo Firenze – Associazione Toscana Dirigenti Aziende Industriali

Umberto Bonzano, Amministratore Delegato BCube Equipment Services BCUBE di Federmanager Alessandria, ha ricevuto il riconoscimento in relazione al criterio anagrafico: è infatti il dirigente più giovane.


La finale per la Lombardia si è svolta Il 1° dicembre, presso il MIP Politecnico di Milano

foto premiati

Questi i nomi dei manager premiati:

Riccardo BUI (36 anni, laureato in Ingegneria Gestionale, lavora presso Humanitas Research Hospital);

Lucia CHIERCHIA (43 anni, laureata in Ingegneria Meccanica, lavora presso Electrolux Group);

Niccolò HEILPERN (38 anni, laureato in Ingegneria Chimica, lavora presso Kinetics Technology Spa);

Federico LANZI (31 anni, laureato in Ingegneria Elettrica)

Dario LO MONACO (39 anni, laureato in Ingegneria Meccanica, lavora presso Saipem Spa);

Diego MACARIO (43 anni, laureato in Economia Aziendale, lavora presso Timken);

Jacopo PALERMO (40 anni, laureato in Ingegneria Civile, lavora presso Percassi Group);

Liliana PALUMBO (41 anni, laureata in Giurisprudenza, lavora presso Saipem Spa);

Matteo PENZO (41 anni, laureato in Ingegneria Informatica, lavora presso Frog Spa);

Nicola Antonio Gnocchi (30 anni, laureato in Management, Finanza e International Business, lavora presso Nolangroup) ha ricevuto il premio come “più giovane manager della Lombardia”.


La finale del Centro Sud si è svolta il 14 dicembre
finale centro sud

Questi i nomi dei manager premiati:

Alessandra BRUNI (39 anni, laureata in Economia, Responsabile Amministrazione Bilancio Gruppo Fintecna);

Fabrizio BARBATO (33 anni, laureato in Ingegneria Informatica, Chief Financial Officier in Ciaopeople Media Group Srl);

Paolo CAVALSASSI (43 anni, formazione in Economia Aziendale, Direttore Commerciale di Celli Group Spa);

Luca CINQUEPALMI (41 anni, Laureato in Discipline Economico Internazionale, Chief Innovation di ENPAM)

Stefano CRIMI’ (39 anni, laureato in Ingegneria Meccanica, Chief Financial Officier di Art Cosmetics Spa);

Alessandro DE ROSA (43 anni, laureato in Ingegneria Meccanica, Head of Manufacturing System BSEME di Bridgestone);

Fabrizio FAVARA (42 anni, laureato in Economia, Direttore Strategie, Pianificazione, Controllo e Sostenibilità di FS);

Luana FOFFO CIUCCI (42 anni, laureata in Economia Aziendale, Senior Tax Group Manager di Procter & Gamble Spa);

Saverio LOPES (43 anni, laureato in Giurisprudenza, Direttore Risorse Umane di AMA Spa);

Massimo MAFFUCCI (40 anni, laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, è Responsabile Tecnico di Ghella Spa)

Come “manager più giovane del Centro Sud” è stato premiato Luigi DENTICE (26 anni, Contabile – Amministratore di I.R.I. Srl).


La finale del Nord Est si è svolta il 12 gennaio.

premio giovane manager pordenone

Questi i nomi dei manager premiati:

Pietro Andreetti, Vice President Film Operations Emea, Kemet Electronics;

Cristina Baccichetto, Head of Logistics Italy, Electrolux Logistics spa;

Alberto Carniato, General Manager, G.F. Spal Group;

Sara Erbetta, General Manager Valcucina;

Giovanni Negri, Chief Operatimg Officer, G.F. srl;

Matteo Ortolina, International Business Director, Benetton Group;

Daniele Parente, B.U. Quality Director, Manuli Group;

Cinzia Pellegrino, Procurement Program Manager, Zobele Group;

Giulio Tirelli, Director, Marine Engineering;

Cristiano Venturini, C.F.O., Fimag spa.

Come “manager più giovane del Nord Est” è stato premiato Giovanni Cavanna di Piacenza.

Anche quest’anno il Gruppo Giovani di Federmanager si è prefissato di valorizzare il ruolo dei giovani manager, riconoscendo e premiando le loro competenze mediante l’istituzione del Premio Giovane Manager 2018, l’iniziativa volta a selezionare e premiare i migliori giovani associati alla nostra Federazione che nella sua 1^ edizione ha riportato notevole partecipazione e gradimento. Per maggiori informazioni sulla premiazione della precedente edizione, avvenuta in occasione del Meeting Giovani dal titolo ITALI – Innovative and Technology Advanced  Leadership for Italy” tenutosi a Venezia nei giorni  16 e 17 marzo scorsi, clicca qui.

Se ti vuoi candidare, invia il tuo Curriculum Vitae dettagliato, autorizzando il trattamento dei dati (clicca qui per l’informativa sul trattamento dei dati personali ai fini della candidatura)  e specificando la tua associazione territoriale di appartenenza, al seguente indirizzo e-mail: gruppogiovani@federmanager.it

Il premio è rivolto agli iscritti con meno di 44 anni.

Saranno considerati come elementi di valore nella valutazione dei candidati, tra l’altro: il percorso di studio, di carriera, l’anzianità nel ruolo, eventuali menzioni per meriti professionali speciali ma anche la motivazione della candidatura.

Il Comitato di Valutazione sarà costituito dal Coordinamento Nazionale Giovani di FEDERMANAGER e da una Società di Head Hunter professionisti, che interverrà nella fase finale della selezione.

La premiazione sarà organizzata dal Coordinamento Nazionale Giovani di FEDERMANAGER insieme ad uno o più partner istituzionali, presso una sede di prestigio (in corso di individuazione).

Ti invitiamo a contattarci per eventuali chiarimenti sul Premio scrivendo alla mail già indicata nonché a segnalare la Tua candidatura entro il 23 luglio 2018.

Inoltre, se desideri segnalare un giovane collega, con meno di 44 anni, che per qualità e meriti, ritieni si sia distinto nella sua attività professionale nell’anno 2017, invitalo ad iscriversi e segnalaci la sua candidatura inviandoci – entro e non oltre la data sopra indicata (23 luglio 2018) – il suo profilo, corredato dalla motivazione che ti ha spinto a proporre la sua candidatura, allo stesso indirizzo e-mail: gruppogiovani@federmanager.it

Gruppo Giovani Federmanager: quello che ci portiamo a casa dalla Silicon Valley

Come Gruppo Giovani siamo stati i promotori di questa study tour ed abbiamo fortemente voluto questa iniziativa che grazie alla preziosa attività di Federmanager Academy e più in generale di tutta la struttura Federmanager è andata in porto.

Inutile sottolineare che le aspettative di noi Giovani erano davvero elevate e la curiosità di confrontarsi con un fazzoletto di terra che rappresenta forse l’eccellenza mondiale era veramente intrigante per noi managers.

WhatsApp Image 2018-06-19 at 22.34.20

Gli incontri sono stati tanti e raccontarli tutti è pressoché impossibile, salvo scrivere un libro, tuttavia ci sono stati dei fili conduttori che sono stati comuni e che possiamo racchiudere in queste parole:

  • Persone
  • Fallimento
  • Contesto
  • Lavoro e Team

Analizziamoli in breve uno per uno.

Persone: nel parlare di Silicon Valley si pensa tanto e giustamente alle start-up ed alle idee che le hanno fatte nascere ma forse si sottovalutano le persone. Infatti, a più riprese, ci è stato ribadito che un investitore, specie nelle prime fasi, valuta sì l’idea ma ancor di più le persone che ha davanti e la loro capacità di portare avanti l’idea o più in generale il business che genera. Il parlare di business generato non è casuale ma spesso rispecchia la realtà di tante start-up. Non è raro, infatti, che data una idea il business che questa genera non è quello che si era ipotizzato all’inizio ma uno collaterale o simile che invece risulta essere vincente. Ecco allora il valore delle persone, persone che sanno fiutare dove è il vero business e che non siano innamorati fino allo spasmo solo della loro idea.

Fallimento: da noi in Italia forse potremmo esprimere il concetto sotteso in Silicon Valley a questa parola con “non si finisce mai di imparare”. Difatti, se il fallimento è visto come un momento di apprendimento ecco che serve ad imparare a non commettere più gli stessi errori e diventa un punto di forza e non una macchia negativa da portarsi dietro. Tant’è che in SV se non hai quella macchia forse è quasi meglio che smetti di fare l’imprenditore o l’innovatore perché nessuno ti darà credito!!!

Contesto: La SV non è una zona industriale (difatti si può quasi dire che lì non producono quasi niente da un punto di vista fisico di beni e prodotti finiti) ma è una “fabbrica di aziende”; ovvero sono stati messi assieme in un territorio tutti i fattori necessari per creare aziende che sviluppano idee nuove di successo. Quindi fattori e idee come elementi trainanti di un contesto che si è strutturato per questo. Quando parliamo di fattori intendiamo prima di tutto risorse finanziarie, eccellenze umane che si formano lì (vedi Università di Stanford o Berkley) o che sono attratte lì e un ambiente positivo che incoraggia il fare, il provare ed il successo rispetto alla retorica delle parole o della teoria.

Lavoro e team: tutto quello detto finora però si innesta su un duro lavoro. La retorica dei garage della SV, a mio avviso, va intesa in questo senso ovvero delle notti passate insonni a sviluppare una idea lavorando in un team interdisciplinare con ognuno che apporta il suo. Team, ovvero, un gruppo in grado di avere le soluzioni per le più disparate situazioni che si devono fronteggiare per avere successo e lanciare una idea. Allora si torna alle persone ed al fatto che non viene valutato il singolo ma la capacità del team di performare e questo diventa fondamentale per un investitore.

Il Silicon Valley Mindset forse può essere racchiuso in queste parole ma non la forza che è in grado di sprigionare; la stessa forza che ognuno di noi può sprigionare quando, su queste basi, esce dalla sua zona di confort e decide di provare a fallire per vincere.

Gian Marco Lupi – Vice Coordinatore Gruppo Giovani

Renato Fontana –  Coordinatore Gruppo Giovani

Vai sul sito di Federmanager Academy per maggiori informazioni

Guarda le foto